L’arte dell’intreccio, una delle più antiche dell’umanità, nasconde un mondo, sconosciuto ai più, che ci parla dei territori. A raccontarci questo mondo è Roberto Malavolta, intrecciatore che Marco Triches ha incontrato durante il suo camminare per mappare la rete Sentieristica del Piccolo Appennino.

Ascolta la puntata con Roberto

Novembre/Dicembre 2023

“Le montagne e le colline in tutta Italia sono state abbandonate quasi di colpo. I campi e i pascoli, per secoli mantenuti puliti da arbusti e alberi, sono stati riconquistati dai boschi. Non da alberi belli e alti, intendiamoci, per quelli ci vorranno due secoli, ma dalle piante più veloci a crescere e a colonizzare: rovi e cespugli, noccioli e frassini, salici e ontani. Poi aceri, faggi, betulle, ciliegi e castagni rinselvatichiti. Il fenomeno è tuttora in corso e modifica rapidamente il paesaggio italiano. Dal 1985 al 2015 la copertura forestale della nostra penisola è aumentata del trenta per cento, nonostante incendi, tempeste, disboscamenti e asfaltature.”

Luca Giunti, Le conseguenze del ritorno. Storie, ricerche, pericoli e immaginario del lupo in Italia, Edizioni Alegre, Roma 2021

Gli alberi seguono la loro via: tra parassiti e antiche e nuove patologie, disseminazioni.

In questi giorni di inizio Dicembre i forti venti hanno abbattuto piante nei boschi, lungo le strade di campagna oppure vicino alle case di paesi e città. Rami piovono da cielo, mentre le nuove piantine avanzano, raggiungendo l’altezza dell’uomo, tra ginestre, edera e rovi. 

L’autunno nelle Marche raramente raggiunge la volta del cielo, nella maggiorparte dei casi le foglie ingialliscono a un palmo dalla nostra testa, nel miscuglio di sempreverdi: lecci, allori, edere, cipressi e pini.

Nella macchia siamo soli, anche quando siamo in compagnia. Nella macchia non si vede niente. Nella macchia non arriva neanche il vento. E quando sbuchiamo dalle fronde in un casolare assolato, gli sguardi diffidenti sono tutti per noi.

Un uomo si aggira nella campagna con una scala. La appoggia a un albero: il tronco è largo ma i rami sono sottilissimi, a volerlo umanizzare sembra un capo con i capelli sparsi. In breve il tronco è completamente pelato e i rami, radunati in fascine, vengono trascinati via.

Roberto Malavolta intrecciatore 1 L'intrecciatore e la sua antica arte ci raccontano di territori
Roberto Malavolta

La voce di questa puntata di Piccolo Appennino

Su è giù per sentieri e stradelli per unire i punti e riscoprire la Rete Sentieristica del Piccolo Appennino, questa volta Marco Triches ha incontrato:

Roberto Malavolta, intrecciatore

Monteciccardo – Pesaro (PU) 

mappa piccolo appennino 4 DIC copia L'intrecciatore e la sua antica arte ci raccontano di territori

Per la cartografia si ringrazia Monti editore che è partner del progetto rete sentieristica del Piccolo Appennino


Logo Sezione CAI di Pesaro L'intrecciatore e la sua antica arte ci raccontano di territori

È partner del progetto per la costruzione della rete sentieristica del Piccolo Appennino la sezione CAI di Pesaro “Lino Liuti”.

11 Dicembre 2023
Condividi
RUBRICA A CURA DI:
Balza del Sole

Balza del Sole è un progetto di cultura e tutela ambientale di Marco Triches, guida ambientale escursionistica, Guida Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, e Giulia Maschera, erborista.

Scheda partner