Città, montagna e equilibrio: sembrano tre parole prese a caso che nulla debbano avere a che fare l’una con l’altra, ma in realtà è oggi più che mai indispensabile tornare a riconsiderarle indivisibili.

Oggi la montagna non può più essere pensata indipendente dalla città perché sono due territori che non possono vivere a prescindere uno dall’altro. La città ha bisogno delle risorse della montagna e del suo ambiente per essere vivibile e la montagna non può fare a meno dei servizi che la città offre, ma anche delle sue opportunità economiche. Ecco perché è indispensabile ridisegnare un equilibrio dopo un secolo di squilibri che hanno danneggiato entrambe.

Va sottolineato che trovare un equilibrio è vitale sia per la montagna che per la città. Quest’ultima oggi non può pensare di avere relazioni solo con le altre città, con le big city a livello globale, ignorando il territorio circostante, le cosiddette aree interne montagna compresa. Questo approccio si è già visto che provoca danno alla città stessa perché non è sostenibile spingere sullo sviluppo di una porzione di territorio, anche se più densamente popolato, e abbandonare il resto. Il conto che torna indietro è salato: si pensi ad esempio al dissesto idrogeologico, a tutti i problemi derivanti dall’abbandono e a tutti gli interventi emergenziali che si è costretti a mettere in atto con costi ben più elevati rispetto a quanto costerebbe alla collettività una cura costante del territorio.

Per la montagna è invece indispensabile il legame con la città per lenire la perdita di popolazione. Questo legame significa trasporti, servizi e più in genere un rapporto economico di scambi che permetta di abitare la montagna senza problemi e di garantire un buona vitalità sociale e culturale. Se ci sono stati periodi storici in cui la montagna aveva al suo interno importanti centri culturali e le vie economiche la coinvolgevano, con la marginalizzazione dovuta all’invenzione dei confini naturali gli scambi da città a città hanno iniziato a saltare le valli.

Inoltre in Italia uno dei problemi è l’azzeramento dei livelli di amministrazione locale con la cancellazione sia delle comunità montane che delle province: questo rende molto più difficoltoso il riequilibrio dei rapporti perché non c’è rappresentanza dei territori montani favorendo quindi la mancanza di politiche appropriate per garantire i servizi necessari a tener vivi quei territori. Una spirale negativa che va fermata perché è deleteria sia per la città che per la montagna.

Per approfondire

Contrats de transition écologique (cet): se ne è fatto cenno nel podcast; in questo articolo (Dislivelli.eu n. 102 dicembre 2019- gennaio 2020) Daniela Poli spiega cosa sono.

Maison de services: sono state istituite in Francia nel 207 e sono luoghi fisici nei piccoli comuni delle aree interne in cui le persone possono recarsi per trovare il ventaglio delle possibilità offerte dalla rete di servizi nazionali, regionali e comunali. In un’intervista rilasciata a Dislivelli nel 2011, Laetitia Pras ne spiegava il funzionamento.

Ovviamente l’ultimo numero di Dislivelli.eu (n. 102 dicembre 2019- gennaio 2020) è da leggere con attenzione per approfondire il tema, ma anche il n.74 febbraio 2017 dove viene presentata la ricerca sull’interscambio montagna-città pubblicata nella collana terre-alte (G. Dematteis, F. Corrado, A. Di Gioia. E. Durbiano, L’interscambio montagna città. Il caso della Città Metropolitana di Torino. Franco Angeli, Milano, 2017)

26 Gennaio 2020
Condividi
Associazione Dislivelli

L’Associazione Dislivelli è nata nel 2009 a Torino, dall’incontro di ricercatori universitari e giornalisti specializzati nel campo delle Alpi e della montagna, allo scopo di favorire l’incontro e la collaborazione di competenze multidisciplinari diverse nell’attività di studio, documentazione e ricerca, ma anche di formazione e informazione sulle terre alte.

 

Scheda partner