La proposta di ripensare per settembre le scuole in chiave Outdoor, con tanto di appello da firmare della pedagogista Lepori, è l’occasione per ricordare che c’è, anche se non conosciuta, una lunga tradizione della scuola all’aperto.

Qui puoi ascoltare la puntata del podcast con anche questa notizia

“Una scuola speciale per tutte/i” è la proposta di Francesca Lepori pedagogista, fondatrice di Bosco Caffarella, vicepresidente di “C’è speranza se accade @ Rete di Cooperazione Educativa” che ha ricevuto sui social significative adesioni. L’autrice ci ricorda che già nell’Ottocento esistevano le “scuole all’aperto” per bambini malati e predisposti alla tubercolosi. Avevano grandi spazi naturali e sperimentavano soluzioni didattiche nuove. “E se per settembre”, si chiede e chiede la Lepori, “venisse effettuata una manutenzione straordinaria dei giardini e cortili scolastici? E se l’educazione all’aperto e l’educazione diffusa nel territorio diventassero due volani per ripensare l’apprendimento?”.

92572777 179745159672476 8148266818436333568 n 1024x768 750x410 1 Outdoor per tutti
Foto dal sito retedicooperazioneeducativa.it
In apertura: ragazzi in val di Mello

In questo periodo sicuramente speciale in cui ci tocca vivere è arrivato dunque il momento che anche la scuola diventi speciale. Che ritrovi quel rapporto con l’ambiente venuto a mancare con i governi di centro destra che abolirono i corsi di aggiornamento per insegnanti su un argomento tanto importante. È possibile firmare l’appello lanciato dalla Lepori qui. L’occasione è anche propizia per ribadire che sul tema delle “scuole all’aperto” i precedenti storici vanno ben oltre le citate strutture che nell’Ottocento si rivolgevano a bambini predisposti alla tubercolosi.

Cover quaderno copia 2 Outdoor per tutti
Copertina del quaderno “Quartieri in quota”

La “virtuosa educazione alpina” vanta solide radici e continua a essere coltivata da insegnanti volonterosi. Ce lo ricorda il recente “quaderno” del progetto “Quartieri in quota” a cura di Laura Guardini e Roberto Serafin che a Milano si rivolge, con il patrocinio dell’associazione “Quartieri tranquilli” e del Cai, ai ragazzi del quartiere periferico Gratosoglio. Come leggere, capire e interpretare il paesaggio, come sviluppare lo spirito di avventura nell’età evolutiva, come “insegnare” il clima, quali le tappe della virtuosa educazione alpina. Sono questi alcuni dei temi affrontati nel citato quaderno (qui la presentazione su MountCity) in distribuzione gratuita agli insegnanti, realizzato con il contributo di Enel.

Nella pubblicazione che è possibile consultare nei cataloghi della Biblioteca Nazionale del Club Alpino Italiano viene fatto cenno a diverse storiche esperienze: come i famosi “Viaggi a zig zag” dell’educatore svizzero Topfer che risalgono alla prima metà dell’Ottocento, o le Carovane scolastiche dello stesso Club Alpino Italiano e le più recenti Classes de neige francesi. La ricerca è stata condotta raccogliendo materiale da varie fonti, a cominciare dagli archivi della citata Biblioteca Nazionale, oltre a offrire testimonianze su varie esperienze condotte di recente sul territorio da insegnanti particolarmente avveduti ed evoluti. (Serafin)

9 Luglio 2020
Condividi
MountCity

MountCity è un progetto fondato nel 2013 a Milano che si poggia sulla passione e competenza di uno staff di cittadini appassionati di montagna, all’occorrenza con il sostegno di associazioni di volontariato. La piattaforma è aperta a chiunque si offra di collaborare con la dovuta esperienza sui temi abitualmente trattati con un’attenzione particolare rivolta all’attualità della montagna e dell’outdoor.

Scheda partner